mercoledì 7 giugno 2017

"...from the Twilight Zone" out now via Endless Winter

"...from the Twilight Zone" out now via Endless Winter
for orders: http://endless-winter.org/cgi-bin/calc-eng


REVIEWS FOR "...FROM THE TWILIGHT ZONE"




RIFF RELEVANT (USA): https://www.riffrelevant.com/2017/06/21/bretus-from-the-twilight-zone-review-track-streams/

One of my favorite traditional styled doom bands, Italy’s Bretus, will soon return with a brand new offering in this month of June. That offering is entitled ‘...From The Twilight Zone‘ and it will arrive via the Endless Winter label.

To get a bit further into the details, the new release is a conceptual album, where each song is inspired by a classic horror film. Bretus, or more specifically, guitarist and vocalist Ghenes, vocalist Zagarus, bassist Azog, and drummer Striges are the ideal band and players for such a grand undertaking (in my opinion).

I say such because Bretus, who are in their seventeenth year of existence this year, have always steeped themselves in occult images and lyrics. One need only refer to 2015’s ‘The Shadow Over Innsmouth’, 2014’s self-titled LP, or 2012’s ‘In Onirica‘ to grasp this reality.

The descent into the unknown begins here with a thunderstorm, acoustic music and some eerie organs as ‘Terror Behind The Mirror‘ unfolds. It suddenly breaks into a monstrous riff and tumult of drums and organ stills. Once on keel, some very animated vocals cue in, as the music reaches a very Sabbath-y vibe. See, Black Sabbath are where most of our doom originates and the boys from Bretus are clearly disciples of such.

Take the full-on doom deluge delivered via tracks ‘ln The Vault‘, the amazing ‘Murder‘ and ‘The Creeping Flesh‘. The latter two are just stellar, stand out songs with Murder being a very uptempo throwback to the days of proto-doom. It powers away like some careening locomotive and then breaks into fiercely bluesy grooves.

The Creeping Flesh starts with a rather appropriate film sample, before delving into somewhat furious metallic styling. It may just be me, but I get a certain Mercyful Fate/King Diamond feel from this song, along with some other moments on the album. That, of course, is a damned fine thing, too.


Several of those moments permeate the ‘Old Dark House‘, a true doom epic sounding song. The section where the vocals take the spotlight, while the music dies down, becoming barely audible and sparse is grandiose. The song is followed by one of the more experimental, well textured tracks here, ‘Danza Macabra‘. Another heavy cut that delves into slower-paced doomy excess, laden with beautifully melancholy melodics.

Things end on the new album with the magnificent instrumental ‘Lizard Woman‘, a lengthy foray into doom psychedelia. Thunderous bass lines rumble throughout the song, before it takes on an enthralling rhythmic path. Lighter acoustic touches enhance things nicely, as do the organs and synth flourishes. They enter heavily mid-way after some fiery guitar antics. Oh, and the instrumental designation maybe challenged since there are some very basic, airy and eerie, trippy as hell vocalization touches laid down for a brief moment.

Just as they have always done, Bretus are the living, breathing embodiment of modern doom with traditional influences. ‘…From The Twilight Zone‘ continues that tradition with formidable heaviness and great grooves.

They take inspiration from what has come before and instill it with their own superb styling. The result is another intense, powerful album from the always bad-ass Bretus!

DOOM-METAL.COM: http://www.doom-metal.com/reviews.php?album=3171

Bretus, the Italian heavyweights of Heavy Horror Doom, return from the unknowable depths of their dark dwellings with their third full length album, '…From the Twilight Zone', which, much like the seminal tv show alluded to in the album name, is an anthology of scary stories. That's right, this is a concept album, each song being inspired by some form of the macabre. Whilst previous album, 'The Shadow over Innsmouth' was based entirely on works of the master of cosmic horror himself, H.P. Lovecraft, this most recent release draws on an eclectic array of sometimes obscure horror, to create a chilling cornucopia of Doom-filtered curios.

Horror fans may recognise the source material of certain tracks with relative ease, others may be found, with some difficulty (as this reviewer discovered), using google, whilst a number can only be guessed at by anyone not possessing an encyclopaedic knowledge of scary movies. Either way, it's fun trying to figure them out. Fittingly, opening track, 'Terror behind the Mirror' begins with the sound of pouring rain and the plaintive cries of a crow, or perhaps, I dare quoth, a raven. An acoustic, slightly folky, riff follows, gently pulling the listener into the nightmarish world of Bretus before unleashing a vicious Doom riff. When the vocal starts, though, that's when the fun really begins. Zagarus's voice is wonderfully dramatic and theatrical in a way that perfectly complements the material; imagine how Freddie Mercury might have sounded after a week holed up in an abandoned cottage watching a perpetual loop of Hammer Horror movies and dropping acid, and you might be somewhere close.

As fun as the concept behind the album undoubtedly is, there's far more to enjoy here than just an interesting idea; the impressive vocals are backed admirably by an extremely tight band. Riffs so monstrous they'd have struck fear into the hardened hearts of Hammer stalwarts Christopher Lee and Peter Cushing abound, whilst crunching bass lines and powerful drumming create an accomplished sound, each instrument complementing the other to create something greater than the sum of their parts. It's hard and heavy, but there are moments of respite here and there with acoustic passages, organ effects and classic horror movie voice samples, all of which add to the Doom-laden atmosphere the album creates. 'Old Dark House' is a particular strong point; a down tempo malevolent riff begins the track followed by an outstanding solo that morphs into peels of thunder. Zagurus's vocal is heavily accented, but this actually adds to the mystique. Would Bela Lugosi have sounded quite so iconic if he'd spoken with a Barnsley accent? Everything about this album just, well, works.

Whether you're a horror fan or not, the music speaks for itself on this album, and it can be enjoyed by Doom fans that may never have watched a horror film in their lives. Whether such Doom fans exist is perhaps questionable, but if they do, and it's you, you will still enjoy this album. If you are a horror fan, though, particularly if your interest extends to the obscure, long-forgotten flicks of the early 70s, the type they don't make anymore, you'll have real fun with this gem. Long after masterful final track, 'Lizard Woman' draws a red velvet curtain on '…From the Twilight Zone', you'll have the unique sound of Bretus echoing in the fragments of your mind.

EARTHQUAKERMEXICO: http://earthquakermexico.blogspot.it/2017/07/bretus-cara-cara-frente-la-locura-y-la.html

Bajo la advertencia de que este material no es un álbum conceptual pero que busca homenajear a algunas de las mejores películas de horror de todos los tiempos y recordar a sus actores y directores, la banda italiana Bretus ha publicado su tercer disco que lleva por nombre ...From the Twilight Zone, en referencia directa al viejo programa de televisión norteamericana de los años sesentas.

Por medio de la disquera rusa Endless Winter, la banda originaria de puerto italiano de Catanzaro  ha lanzado en junio de 2017 su último disco, una colección de siete temas que mantienen el paso marcado en su The shadow over Innsmouth de 2015 (reseña-review) que los colocó dentro de la escena doom europea. Para esta ocasión, Bretus buscan mayor intensidad en cada uno de sus temas hasta lograr hacerlos más directos sin perder su esencia doom que se ha convertido en el sello personal de la banda, pero con un mejor trabajo de producción que logra darle mayor claridad a su sonido y con un ligero toque psicodélico que los tenues pero fúnebres teclados incluidos en algunos temas construyen para reforzar el mórbido ambiente.



Abajo de las capuchas encontramos nuevamente a Ghenes en la guitarra, Zagarus en las vocales, Azog en el bajo y a Striges en la batería quienes en siete temas logran asegurar un lugar dentro de la historia del nuevo doom del siglo XXI. Atmósferas lúgubres nos van ahogando poco a poco mientras todo se vuelve más obscuro segundo tras segundo, pero al tronar las bocinas por culpa de la intensidad de los instrumentos sabemos que el temor se vuelve ira bajo la luz de la luna llena.

La lluvia cae mientras los cuervos graznan, los lobos aúllan y las campana repican mientras una guitarra acústica entona una melancólica melodía. Así inicia ...From the Twilight Zone, pero todo queda olvidado tras un minuto y medio al dejarse escuchar las guitarras como un eléctrico lamento. El recuerdo de Black Sabbath, Saint Vitus y Pentagram es inevitable, pero al comenzar a cantar Zagarus las neuronas se inundan en el Danzig solista de finales de los ochentas. Sangre, almas en pena y muertos vivientes salen a nuestro paso como si se tratara de una casa del terror, pero a final de cuentas termina convirtiéndose el disco en un museo cinematográfico que busca recrear los momentos más sublimes de los clásicos del horror.



...From the Twilight Zone arranca con "Terror behind the mirror" para asestar un golpe certero a nuestro deseo doom incontenible que nos precede por los materiales anteriores de Bretus, pues su figura cortante como navaja ritual logra cortar las venas para saciar la sangrienta sed del maligno. "In the vault" la velocidad se reduce para ofrecernos un verdadero tributo al primer doom de los años setentas, aunque la fuerza es retomada en "Old dark house" como si se tratara de una continuación más desgarradora de la canción anterior. Aunque Bretus mantiene el uso de extractos de las viejas películas que han inspirado a los temas, la banda nos ofrece nuevos elementos en este disco como los pasajes acústicos de "Danza macabra" o el lisérgico viaje instrumental de "Lizard woman" con sus más de siete minutos de duración.

Sin embargo, Earthquaker desea rescatar y profundizar lo alcanzado en el tercer disco de Bretus a partir de su primer single llamado "The creeping flesh". El tema comienza con una guitarra que marca su acorde para permitir que los armónicos surjan al cubrir las cuerdas para que estas dejen de vibrar, como si un psicópata buscara asfixiar lentamente a su víctima. El bajo y la batería golpean desde su sepulcro cuatro veces como si solicitaran salir a pasear por la fría noche. La intensidad aumenta y todo se convierte en un ritmo infeccioso que fácilmente regresa a sus lúgubres orígenes cuando la voz de Zagarus nos narra parte de la historia del clásico filme de Freddie Francis, logrando que con su entonación pareciera un demente a punto de saltar sobre nosotros. Los cambios de ritmo logran que "The creeping flesh" nos tenga a la orilla del asiento en tensión permanente, haciendo que el tema se convierta en uno de los mejores del disco e indiscutible sencillo promocional.



Bretus lanzó en abril de 2017 el video de promoción de "The creeping flesh" como preparativo a su ...From the Twilight Zone. Como era de esperarse, el trabajo visual está realizado a partir de diversos extractos del clásico del terror británico que Freddie Francis realizara en 1973, la cual fue protagonizada por Christopher Lee, Peter Cushing y Lorna Heilbron. La historia nos cuenta como un esqueleto humanoide es encontrado en Nueva Guinea, el cual es llevado para su investigación a Inglaterra. Ahí descubren que tiene la capacidad de regenerar su carne al estar en contacto con el agua, pero una vez que está por completar el proceso, entienden que en dicha joya antropológica reside el mal. Sin embargo, la película no se basa sólo en el monstruo, sino en la locura que radica en el hombre, la envidia y la búsqueda mórbida que llega hasta la obsesión.



Bretus se encuentra en plena promoción de su nuevo material, situación que los ha llevado a compartir escenario con Jucifer y Goatness. No sobra decir que la banda ha consolidado su estilo en los últimos años, dejando a un lado los largos y densos pasajes instrumentales del pasado para enfocarse a crear ambientes ideales para sus líricas cada vez más trabajadas. ...From the Twilight Zone merece ser escuchado con calma para ir descifrando todo lo que esconde tras las capas de ruido, es necesario ir cavando en sus terrenos para descubrir al verdadero monstruo que hay en su interior. Aquí está el primer arañazo, ahora les toca seguir rasgando hasta su obscuro abismo que aguarda en los surcos del disco...

ARISTOCRAZIA: http://www.aristocraziawebzine.com/recensioni/8670-bretus-from-the-twilight-zone

Mi ritrovo qui pronto a scrivere della nuova fatica dei Bretus intitolata "...From The Twilight Zone", ma prima vorrei fare due semplici considerazioni.

Trovo assurdo che nessuna etichetta italiana abbia dato garanzie o fatto una proposta seria per supportare l'uscita di questo disco e non c'è bisogno di sapere a chi mi riferisca, dato che credo sia palese quali sarebbero potute essere le possibili interessate. Sono comunque contento che un personaggio affidabile come Gennady della Endless Winter non se lo sia lasciato sfuggire.
I Bretus non sbagliano un colpo e rientrano in quel giro di formazioni italiane che all'estero funzionano.
Data la premessa, vi sarà facile intuire quanto il sottoscritto attendesse questo disco. Del resto, non ho mai negato la personale simpatia verso la band, poi la qualità dei dischi sin qui rilasciati ha fatto il resto.

"...From The Twilight Zone" è il tassello che consolida e definisce al meglio lo stile con il quale i Bretus affondano nel mondo doom. Più che fare riferimento alla serie televisiva, come più volte ho letto in rete (comunque una delle chiavi di lettura possibili), credo che il titolo si riferisca al posto in cui il gruppo vive e si muove mentalmente, quella realtà in cui tutto e il contrario di tutto sono tangibili, dove l'incubo diventa reale e il reale è di per sé un incubo.

Ancora una volta i testi si nutrono in maniera costante del filone letterario lovecraftiano e di vari altri cinematografici. L'album è pieno zeppo di riferimenti a pellicole del passato, tanto che ho avuto modo di apprezzarne due che non conoscevo, quali "Danza Macabra" di Antonio "Dawson" Margheriti (1964) e "M. (Eine Stadt Sucht Einen Mörder)" di Fritz Lang (1931); per consultare l'elenco delle restanti, vi invito a visionare il libretto allegato al cd.

Questa massa di oscurità, deformazioni e perlustrazioni viene incanalata all'interno di visioni sonore che si fanno strada attraverso quasi cinquant'anni di storia della musica, vibrando di rock e metal. In particolare gli influssi stoner, doom metal e psichedelici sono innegabilmente figli di vere e proprie leggende dei rispettivi filoni, eppure ormai hanno acquisito tratti così personali da appartenere ai Bretus e a nessun altro.

Non mi soffermerò nel descrivere un pezzo piuttosto che un altro, né perderò tempo in una tediosa e anestetizzante narrazione traccia per traccia. Vi suggerisco piuttosto di aprire il cassettino del lettore CD o di far girare il vinile. Siamo dinanzi a un'uscita che non necessita di un fiume di parole, ma solo di essere ascoltata e riascoltata, godendo sia della moltitudine di minacciose ombre sia delle sparute flebili luci che la compongono.

I Bretus provengono dalla zona del crepuscolo e sono abituati a risiedervi: voi sarete capaci di fare lo stesso? L'incontro con "...From The Twilight Zone" potrebbe aiutarvi nel trovare la risposta a tale quesito.


SLOVAK METAL ARMY: https://www.slovakmetalarmy.sk/2017/08/05/bretus-twilight-zone-stoner-doom-metal-ita/

Nikdy nehovor nikdy. Túto vetu predo mnou povedali mnohí ľudia a poniektorí aj odspievali. Xx rokov nazad, keď som prvýkrát počul švédsku kapelu, dnes už ako je pomaly zvykom, legendu epic doom metalu Candlemass som si povedal, že toto nie je pre mňa. Ja som chcel čo najväčší rachot humbuk. Muselo uplynúť xx rokov, aby som aj ja osobne dozrel a našiel mnohé pravé orechové a Candlemass je jedným z nich. Všetko nie je len o death growlingu zmixovanom s ťažkými, pomalými a hutnými gitarovými riffmi. Ako sa hovorí, old school doom je o pocitoch, ktoré vokalista dáva do skladieb a vyhrávať sa s emóciami za pomoci hudobných nástrojov. Toto je presný prípad stoner doom smečky z Talianska zvanej Bretus. Toto spoločenstvo už existuje neuveriteľných 17 rokov a tento rok pod značkou labelu Endless Winter (Russia) vydali v júni svoje tretie dieťa „…from the Twilight Zone“. Na rovinu… na chuť daného albumu som prišiel až po treťom počúvaní a druhom zaspávani pri ňom. Nechcel som sa unáhliť ako kedysi u Candlemass. Už samotný názov nasvedčuje kam ideme. Hororová tématika so seriálu 70 rokov je jasná. Hudobne sa chalani neženú do ťažkých pochmúrnych melódií, ale vyhrávajú sa so svojimi inštrumentami. Do úplnej dokonalosti poprepletali melancholické stavy s depresívnymi prvkami, preťahujúce jemnými až metalovými riffmi ako sme zvyknutí u King Diamonda. Pri dôkladnejšom posluchu započujete tóny ala Black Sabbath, alebo ranná psychodelická tvorba Pink Floyd. Toto je tam počuť, ale toto je BRETUS ! A spev Zagarusa je stelesnené šialenstvo. Žiadny murmur, growling ale čisté vokály siahujúce až do šialeného prednesu. A keď si pomyslite, že nič už Vás neprekvapím prídu klávesové linky a v momente sa nachádzate uprostred hororového seriálu. Už len dve slová : DOKONALÝ ALBUM !



THE OBELISK: http://theobelisk.net/obelisk/2017/07/13/quarterly-review-summer-2017-day-4/

Doom! Horror! Riffs! Though it starts out with quiet acoustics and unfolds in echoing weirdness, Bretus’ new album, …From the Twilight Zone, more or less shouts these things from the proverbial cathedral rafters throughout its seven tracks. The Catanzaro, Italy, foursome weren’t shy about bringing an air of screamy sludge to their 2015 sophomore outing, The Shadow over Innsmouth (discussed here), but …From the Twilight Zone shifts more toward a Reverend Bizarre trad doom loyalism that suits the Endless Winter release remarkably well. Those acoustics pop up again in expanded-breadth centerpiece/highlight “Danza Macabra” and closer “Lizard Woman,” and thereby provide something of a narrative thread to the offering as a whole, but on the level of doom-for-doomers, there’s very little about the aesthetic that Bretus leave wanting throughout, whether it’s the faster-chug into drifting fluidity of “The Murder” or the nodding stomp of “In the Vault” (demo posted here) and crypto-NWOBHM flourish of “Old Dark House” (video posted here). Not trying to remake doom in their own image, but conjuring an eerie and engaging take in conversation with the masters of the form.


METALLIZED: http://www.metallized.it/recensione.php?id=14252

Dalla letteratura al cinema, si sa, il passo è stato storicamente quasi obbligato, nonostante i due celebri fratelli di Besançon si fossero sbilanciati a definire la propria creatura “un’invenzione senza futuro”. Certo, la sfida tra incorruttibili pasdaran del primato della scrittura e cultori del nuovo linguaggio visivo ha vissuto e vive talvolta attimi di tensione (quante volte siamo incappati nel lapidario “molto, molto, ma molto meglio il romanzo, del film…”?), ma, a poco più di un secolo dal fatal brevetto, possiamo sostanzialmente affermare che la settima arte sia stata accolta ormai con pari dignità sulle pendici di quel monte Elicona che dalla notte dei tempi ospita le alunne predilette di Apollo.
Una volta entrato nell’augusto consesso, il cinema ha potuto così interagire con le nobili e più attempate sorelle, in un rapporto di inscindibile simbiosi che ha dato frutti qualitativamente spettacolari sul piano dell’ispirazione, allargando potenzialità e prospettive ma risultandone anche trasfigurato, basti pensare all’effetto dirompente dell’avvento del sonoro in un mondo inizialmente fatto di sole immagini. In questo varco, non poteva non entrare a vele spiegate la musica, sia come elemento di decorativo accompagnamento sia, soprattutto, come moltiplicatore di emozioni, tanto che non sono rari i casi di colonne sonore altrettanto memorabili dei film che hanno accompagnato.

Letteratura, cinema e musica sono anche i vertici di un ideale triangolo d’oro entro cui si dispiega il raggio d’azione di una delle band più interessanti sulla scena doom tricolore, quei Bretus che cinque anni fa avevano stupito con un solidissimo debutto sulle lunghe distanze (In Onirica) e che sono stati capaci di ripetersi nel 2015 con The Shadow over Innsmouth. Eccolo subito in evidenza, l’elemento letterario, con il richiamo a uno dei migliori romanzi di H.P. Lovecraft, dove rivive il tipico gusto fantasy/horror di un maestro del genere tra incubi, visioni e paure geneticamente connaturate alle debolezze della nostra specie. Inquadrati in una solida cornice letteraria, gli spunti multidirezionali di In Onirica si erano così organizzati intorno alla forma di un horror doom dai tratti spiccatamente tradizionali e con l’esclusione di qualsiasi virata verso il lugubre (soluzione invece cara a un’altra delle italiche eccellenze, gli Abysmal Grief). Come al solito, in presenza di operazioni in cui la macchina del tempo sposta artificialmente le lancette in un’era lontana per gusto e retroterra anche culturale, il rischio era quello di disseminare il percorso di banalità vintage più di posa che di sostanza (per un risultato in cui anacronismo e derivatività lottano con esito incerto per il primato, mentre intanto a perdere è di sicuro l’ascoltatore), ma i Bretus erano riusciti nell’impresa di modulare con grande intelligenza le spinte verso epopee di altre decadi risultando contemporaneamente moderni anche per chi non abbia vissuto gli echi immediatamente successivi al primigenio big bang post-sabbathiano.

C’era dunque grande attesa e curiosità intorno alla nuova fatica del quartetto e i ragazzi non sbagliano davvero il colpo, spostandosi stavolta verso il vertice cinematografico del triangolo a cui accennavamo. Lo spunto per questo …from the Twilight Zone, infatti, viene da una delle serie tv in carsica apparizione sugli schermi americani tra il 1959 e il 2003 e approdata anche ai tubi catodici italiani con il titolo “Ai Confini della Realtà”. E fino a qualche lontana frontiera si sono davvero dovuti spingere, i Nostri, intanto per entrare in una nuova scuderia dopo l’abbandono della genovese Bloodrock Records; si è trattato, in realtà, di una replica di quel viaggio verso est che già aveva contraddistinto il debut (allora la Arx Productions di Donetsk) e che ora conduce alla cittadina di Taganrog, sul mar d’Azov, dove la piccola ma qualitativamente agguerritissima Endless Winter sta radunando un roster doom di tutto rispetto.
Ma a non mutare sono soprattutto le coordinate stilistiche della band, sempre alle prese con l’ingombrante eredità sabbathiana declinata con un’essenzialità e un’asciuttezza di fondo che riportano immediatamente alla lezione dei Saint Vitus, sia pure con consistenti integrazioni figlie di echi Pentagram e Reverend Bizarre. A giovare alla resa dell’insieme è soprattutto l’intreccio impeccabile tra le possenti strutture edificate della sezione ritmica e le “libere uscite” concesse a sei corde e voce, che, a seconda dei casi, alimentano o sciolgono la tensione accumulata dalla coppia Azog/Striges.
Eccellente, anche stavolta, la prova al microfono di Zagarus, col suo timbro vocale rigorosamente in clean e sempre molto carico in termini di pathos, a esaltare una sorta di vena recitativa/teatrale quanto mai opportuna, considerati gli approdi horror e i richiami alla cinematografia. E, quanto a imprescindibilità, non è certo da meno il contributo della sei corde, magistralmente brandita da Ghenes in modalità NWOBHM squadernando riff assassini, ad aprire improvvisi squarci luminosi che risaltano ancora di più andando ad innestarsi su trame in prevalenza oscure, quando non plumbee. Completa il quadro un intelligente ricorso all’arsenale “storico” del genere, in cui l’hard rock settantiano gioca ovviamente un ruolo di primo piano ma senza dimenticare venature delicatamente blues o addirittura accennate escursioni in territorio prog, a certificare l’impressionante livello di maturità raggiunto dai calabresi alle prese con le sfide dei classici.

Spente le luci in sala, si parte subito alla grande con l’opener Terror Behind the Mirror, distillato perfetto di ciò che si dipanerà nel resto dell’album con la sua atmosfera in progressivo appesantimento, mentre Zagarus occupa la scena da mattatore nei panni di uno Scott Wino Weinrich in versione marcatamente declamatoria, prima di consegnare il finale al primo memorabile assolo di Ghenes. Il tasso di pachidermicità aumenta ulteriormente nella successiva In the Vault (rieccole, le reminiscenze lovecraftiane, in un titolo che rimanda a un racconto del 1925), ma un improvviso stop centrale funge da colpo di scena per spalancare le porte a un inserto figlio della metal temperie ottantiana, in cui di nuovo la sei corde stampa un ricamo memorabile. Rispetto alla coppia d’avvio, l’andatura cadenzata di Old Dark House (che rimanda al lungometraggio del 1932) sembra ridurre la densità della struttura privilegiando piuttosto la componente “sinistra” dell’ispirazione, ma anche stavolta non mancano le sorprese, che si materializzano con un’improvvisa dilatazione melodica e un tocco avantgarde che sposano alla perfezione le velleità sceniche dei Bretus. Il quarto atto è affidato alla rievocazione di un film del 1964, Danza Macabra (con tanto di estratto vocale in presa diretta dalla pellicola) e si declina in forma di semi ballad intrisa di suggestioni blues, che tengono il campo per metà percorso in vista di una chiusura tra coriandoli Deep Purple e sabbia Saint Vitus.
Rispetto all’impressionante qualità andata finora in onda, colpisce un po’ meno l’attitudine settantianamente hard rock di The Murder, anche se va riconosciuto che a questo punto del viaggio una scarica di energia può comunque svolgere una funzione salutare, nell’economia del platter (senza contare che già il finale in oscura dissolvenza ci riporta alla dimensione canonica della tracklist). E’ ancora un richiamo “dal vivo” al film di riferimento ad avviare The Creeping Flesh e in questa occasione i Nostri sfoderano la loro migliore prova classic doom dell’album, impreziosita da un passaggio in doppio timbro vocale forse meritevole di approfondimenti, nelle prossime prove, considerata l’ottima resa. C’è ancora spazio per un’ultima perla e i Bretus sembrano compiere una scelta spiazzante, affidandosi alla strumentale Lizard Woman; niente paura, però, perché dal campo psichedelico improvvisamente arato germoglia un capolavoro che riporta in vita con la giusta delicatezza sonorità che, pur trasfigurate, sono ormai indissolubilmente scritte nel nostro metal dna e al cui richiamo è impossibile restare indifferenti.

Viaggio multimediale all’interno di antri in cui l’oscurità raddoppia tra immagini e suoni, coperto da un velo di artistica inquietudine in cui rivivono senza stucchevoli manierismi le lezioni delle band che hanno fatto la storia del doom più affacciato sui balconi hard rock, …from the Twilight Zone è un album che trasuda classe da ogni solco e per cui non c’è alcun bisogno di scomodare un occhio di riguardo nel nome della tricolore conterraneità. Da Catanzaro alle pianure intorno a Rostov, a parlare per i Bretus è solo la qualità.


METALYES-IYEZINE: http://metaleyes.iyezine.com/bretus-from-the-twilight-zone/

Ritornano i calabresi Bretus, una delle migliori band italiane in ambito doom.

La loro proposta musicale è un doom classico, cantato con timbro chiaro e possente, e poche distorsioni strumentali, seguendo la lezione di St.Vitus e Pentagram.
Per fare questo genere minimale e renderlo interessante devi avere delle specifiche caratteristiche che non sono alla portata di tutti. I Bretus tengono incollato l’ascoltatore alla poltrona dall’inizio alla fine, non lasciando mai scendere la tensione, come nelle storie horror che loro adorano. Ispirati nella loro opera dal sommo vate di Providence, per questo nuovo disco esplorano i territori di …From The Twilight Zone, una serie televisiva americana del 1959 che esplorava in maniera incredibile la fantascienza e l’orrore, tenendosi sempre vicina alla sottile linea che divide il nostro mondo da altri mondi e multiversi. Il doom dei Bretus in questo disco si addolcisce leggermente e va a bagnare gli strumenti nei fiumi ottantiani del doom americano ed inglese, trovando una formula vincente, perché ogni canzone è interessante e godibile. Il disco è oscuro ma non è una tenebra fine a se stessa, bensì è una luce diversa per capire la realtà in un’altra maniera, o per cominciare a scorgere le altre che ci circondano. Ascoltare dischi come …From The Twilight Zone smuove qualcosa nel cuore di chi ama il doom e più in generale la musica oscura ma fatta bene. In alcuni momenti ritornano all’orecchio reminiscenze dei grandi del doom, come i Candlemass ad esempio, ma ascoltando il disco si comprende la via personale adottata dai Bretus, un modo originale di fare doom. Il disco può anche essere goduto come un film, poiché c’è un filo conduttore nella narrazione. I Bretus con questo disco si confermano un ottimo gruppo doom che non sbaglia un disco.

DISFACTORY: http://www.disfactory.it/recensione-bretus-from-the-twilight-zone/

Forti emozioni occulte, suono piacevolmente scorrevole ma positivo nel suo essere “stantio” e tanta voglia di fare bene. I Bretus riversano tutta la loro passione per la causa e il sacro mondo doom metal per la terza volta su lunga distanza (questa volta sotto la russa Endless Winter), lo fanno al top per quanto concerne ombre e songwriting. Ebbene si, perché il nuovo …from the Twilight Zone (omaggio alla serie “Ai Confini della Realtà”) non funge solo da “esercizio nostalgico” come ogni buon prodotto di classic doom richiede già dall’etichetta, qui le cose verranno lavorate saggiamente e con la necessaria pazienza. In certi casi non otterremo la nostra “zuppa” pronta, ma sarà proprio questa l’arma definita di un disco che potrà giostrare le sue avvenenti caratteristiche solo con l’insistenza dei giusti ascolti.

Rapisce quel sound che tutto sembra voler sottolineare tranne che la potenza (o meglio, non fatevi ingannare da queste parole perché la presa non mancherà) scavando e lavorando nei meandri di territori perennemente ombrosi, settantiani e dal taglio ora progressivo, poi sconfinante a tratti nell’hard rock. I brani finiranno per diventare -nel loro speciale modo- piccoli dannati tormentoni iconici, non mi vengono altre parole pensando ad esempio all’attacco della grandiosa Terror Behind the Mirror giusto per ancorarci alla partenza di un album che offrirà diverse sfaccettature senza chiederci l’urgenza di “scomporci” più di tanto.

Serve nominare la triade Black Sabbath/Electric Wizard/Candlemass per rendere l’idea di cosa troverete all’interno di …from the Twilight Zone? Se riuscite ad immaginare un po’ di questo e un po’ di quello avrete colto il bersaglio ancor prima di iniziare e potrete cominciare a gioire senza remore. D’altronde questi quaranta minuti passano così in fretta da rappresentare un concreto sinonimo di costante intrattenimento.

Il riff portante di Terror Behind the Mirror è da antologia e lancia di fatto nel migliore dei modi il terzo full-lenght dei Bretus. Il cerimoniere Zagarus infiamma sgraziatamente ogni piccolo anfratto di ogni canzone scegliendo di volta in volta il mood necessario, giostrando così su più registri come solo un navigato capitano può fare. In the Vault accresce il fattore nefasto/oscuro scandendo lentamente il ritmo prima di lasciare spazio alla sinistra epicità di Old Dark House. Danza Macabra a metà disco funge da “nenia-rituale-ciondolante”, un gradino gradito prima di una aperta, “baldanzosa” e più leggera The Murder. L’album trova conclusione con due tracce azzeccate come The Creeping Flesh (che crescendo! la mia prediletta assieme alla opener) e la psichedelica-heavy-strumentale di Lizard Woman.

I Bretus sono una freccia non importante ma importantissima per il panorama doom metal nostrano, evitare di fare la loro conoscenza sarebbe davvero un piccolo insulto rivolto a noi stessi cultori del genere. Solo così, con quei piccoli accorgimenti, e via verso la cima di una faticosa scalata, perfezione e nobiltà possono essere raggiunte solo in questa maniera. Loro lo sanno bene, voi potrete dire lo stesso?


HM MAGAZINE: http://hmmzine.blogspot.it/2017/07/bretus-from-twilight-zone-recensione.html?spref=fb

Aaah, che bella scoperta il disco di questi doomsters calabresi! Anzi, che bella scoperta i Bretus in sé, dato che leggendo la bio della band scopro come la stessa sia stata molto prolifica sin dal 2008 (con una serie di album, EP e split) e che le sette tracce incluse in quest'ultima release siano dedicate ad altrettanti horror movies di culto (eccezion fatta per “In The Vault”, ispirata all'omonimo racconto lovecraftiano). Non sono mai stato un accanito cinefilo, ma la connessione tra doom e cinema è spesso ricorrente ultimamente – vedi gli Arcana 13 – ed è comunque fuor di dubbio che le due atmosfere (quella iconografica e quella musicale) si combinino alla perfezione.

Dicevo, bel disco davvero questo “… From The Twilight Zone”, anche se sulle prime i Bretus mi avevano ricordato due band laziali del passato: i Garden Of Cry (tra i primi ad incamminarsi timidamente sul sentiero di collegamento tra goth e metal, complice la passione per gli arpeggi) e i più longevi e blasonati Martiria, anche grazie alle atmosfere cadenzate e alle ritmiche schiacciasassi che caratterizzano da subito l'opener “Terror Behind The Mirror” e che sembrano mutuate dai citati maestri del doom italico, autori di “On The Way Back”. Un'impressione solo parziale che va ovviamente integrata con l'ascolto del disco per intero, che di per sé è caratterizzato da un approccio “folle” del vocalist che sposta un po' le coordinate dalla seriosità del doom europeo (di scuola italiana, britannica o scandinava, poco importa) all'ecletticità schizzata del genere nella sua versione a stelle e strisce. Il resto lo fa un chitarrista aderente ai dettami chainiani e sempre attento alla funzione descrittiva del proprio rifferama, come nel caso della già citata “In The Vault”, uno dei brani migliori.

E a proposito di America, sulle sfuriate di “The Murder” fanno capolino echi alla Manilla Road (complice la velocizzazione dei tempi), mentre la conclusiva “Lizard Woman” ha un mood molto più settantiano: atmosfere tirate, con la band che non ha fretta di arrivare al dunque e lo dimostra appieno con un cipiglio improvvisativo in studio e un finale mastodontico, degno del favoloso decennio a cui è ispirato. Toccherà informarsi anche sul passato (e perché no, sul futuro) di questo quartetto...


METALWAVE: http://www.metalwave.it/recensione.php?id=7845

Fondati nell’anno 2000 i Bretus, band horror doom calabrese, rilascia per l’etichetta Endless Winter il suo terzo full lengh intitolato “..From the Twilight Zone” preceduto anche da diverse uscite in 7’’ split e MCD. Particolare quanto accattivante è lo stile della band che con le proprie tendenze oscure rende ancora più sinistro e cupo l’intero clima che si respira nel corso dell’ascolto. Il doom realizzato dal quartetto è nitido, pulito con le andature caratteristiche del genere, mai sopraffatte da effetti o da quanto possa offuscare il classico sound doom. Moderazione ed andature lente che ti affondano i timpani come una lama che recide la pelle è a poco a poco in sostanza il senso horror che viene trasmesso. La parte clean dalla multiforme interpretazione, si trova a suo perfetto agio tra le melodie che vengono a susseguirsi nei sette brani proposti spesso alternati nel loro interno da arpeggi e da atmosfere inquietanti. “Terror Behind the Mirror” è forse l’esempio migliore di come la band voglia fare colpo sull’ascoltatore: una breve atmosfera introduttiva horror e subito dopo un pacato arpeggio in anticipo ad un’andatura splendida realizzata con un motivo avvincente; segue “In The Vault”, classica andatura doom inarrestabile, all’interno della quale lo splendido cantato rende quella giusta atmosfera tra sofferenza, paura e disperazione; è poi la volta di “Old Dark House” e della successiva “Danza Macabra”, due esempi diretti quanto significativamente coinvolgenti, soprattutto il secondo per il particolare doom acustico oscuro, opaco, triste ma splendido allo stesso tempo; “The Murder” si orienta invece su un doom con qualche richiamo a potenti riff più hard rock ed annessa andatura; “The Creeping Flesh” altro incredibile brano che con la conclusiva “Lizard Woman”, dalla proposta iniziale molto settantiana e con un evolversi tutto da ascoltare, fanno di questo disco un ottimo lavoro su cui fare pieno affidamento materializzando un’altrettanta meritata promozione della band.




DOOMBRINGER (BRAZIL):https://doombringerbr.wordpress.com/2017/06/06/bretus-from-the-twilight-zone/

“… From the Twilight Zone” é o terceiro álbum de estúdio da banda italiana Bretus, lançado via Endless Winter Records. Seguindo os passos de seus antecessores, o álbum reúne toda aquela atmosfera de horror complementada pelo conteúdo lírico que aborda temas relacionados ao misticismo e influências das obras de H.P. Lovecraft.

A banda se mantém fiel ao estilo old school e tradicional do Doom Metal, com influências de nomes como Reverend Bizarre, Sain Vitus e Black Sabbath. E por mais que muitas bandas sigam essa abordagem a Bretus consegue ser uma das mais equilibradas, a banda sabe como introduzir suas influências mas sem se manter presa às mesmas, as percepções e ideias de como a banda deseja conduzir sua música também estão presentes.

Em “… From the Twilight Zone” a banda entrega um repertório que passa por faixas mais imediatas como a abertura “Terror Behind the Mirror”, que conta com uma passagem acústica interessante, ou “The Murder”, de longe a faixa mais intensa do disco.

A dedicação da banda é colocada em evidência ao decorrer do trabalho, o esforço para criar composições mais elaboradas resulta em faixas como “Danza Macabra” e “Lizard Woman”, essa última repleta de progressões incríveis e uma riqueza de detalhes. E ainda destaco “In the Vault” e “Old Dark House”, as faixas que mais me agradaram no álbum.



SALAD DAYS MAGAZINE: http://www.saladdaysmag.com/bretus-from-the-twilight-zone/

Doomster calabresi, dal forte richiamo evocativo e dalle sonorità sinistramente horror: è con queste premesse che i Bretus si presentano. Il loro nuovo lavoro, ispirato fin dal titolo dell’album ‘…from the Twilight Zone’ alla omonima serie statunitense di fine anni 50, è composto da 7 songs, dove le influenze doom di band anni 80 si intrecciano a meraviglia nei riff chitarristici di Ghenes, nei marziali ritmi rompi ossa del basso di Azog, nel drumming preciso di Striges: il tutto si amalgama perfettamente nel pathos che le vocal di Zagarus infonde come un sapiente mistico, che richiama ed evoca dal profondo innominabili e arcani misteri. Brani articolati dal minutaggio medio di 5 minuti si susseguono talvolta iniziati da arpeggi, altre volte da schegge filmiche o brusii di presenze primordiali; i brani ci immergono in atmosfere che la band di Catanzaro riesce a organizzare in modo magistrale. Analizziamo per es. ‘In The Vault’: la pièce si snoda in un iniziale riff heavy/super doomy davvero micidiale, la voce fa da contraltare con un doppio stile evocatorio/inquisitorio, poi un sorta di intro a metà pezzo che è come una svolta, un presagio ad un riff che sfocia in un assolo NWOBHM style da far accapponare la pelle, poi un travolgere e ritornare sui propri passi, infine un tocco di campana. Imperioso. Siamo di fronte ad un album intrigante pieno di stile, di idee e ben congegnato. A giugno fuori per la russa Endless Winter.


PURORUIDO (ARGENTINA) : https://puroruido.blogspot.it/2017/06/bretus-from-twilight-zone.html

Con Bretus tengo una relación que viene casi desde el comienzo de la historia discográfica del grupo. El casi no es casual, pues en realidad los conocí cuando sacaron "In Onirica", su muy buen primer disco full, allá por el año 2012. Hice la reseña del disco y comencé a tener contacto con la banda, quienes me pasaron los links para descargar y escuchar los trabajos previos, el Demo del año 2008 y el EP autotitulado del 2009. Antes de que el segundo disco de la banda ("The Shadow over Innsmouth", del año 2015) viera la luz, yo ya lo había recibido en mi cuenta de e-mail. Entusiasmado por los resultados obtenidos en los trabajos previos, me lancé de cabeza a escuchar el segundo larga duración de la banda de Catanzaro. No encontré lo que buscaba pues Bretus habían cambiado. Seguían tocando Doom Metal (y creo que jamás van a dejar de hacerlo), pero ya no era aquel Doom monolítico, hipnótico y ultra pesado de "In Onirica". La banda había virado hacia un Doom más anticuado, habían viajado hacia los orígenes del género, adoptando como propio un sonido añejo, estructuras y atmósferas de corte 70's, e incorporando influencias de bandas como Cirith Ungol, Manilla Road y Witchfinder General. El resultado no fue el mejor, algo propio de un disco de transición. No era, ni es, un disco malo; sería injusto calificarlo de tal manera cuando tiene unos cuántos momentos muy logrados. Pero le faltaba el poder y la consistencia de su antecesor. Recuerdo que en aquel momento pensé que Bretus estaban buscando un nuevo rumbo, y que aun no habían llegado al camino, sino que recién estaban en el (nuevo) punto de partida.
Dos años después de "The Shadow..." aparece el tercer disco full de la banda italiana en cuestión (en el medio lanzaron un split junto a Black Capricorn). "...from the Twilight Zone" sigue la misma línea que se predecesor, pero las diferencias son notorias. Bretus han vuelto a ser una verdadera potencia dentro del mundo del Doom Metal. Manteniendo intacto el estilo encarado en el disco del 2015, la banda demuestra haber ajustado todas las tuercas, aceitaron cada uno de los engranajes de la maquinaria, y pusieron énfasis en un detalle que no es menor: las composiciones. Es por eso que éste nuevo trabajo de la banda de Ghenes (guitarra) es un buen disco de principio a fin.
Las atmósferas típicas de las películas y series de horror y ciencia ficción de los 60's y 70's (basta con ver el nombre del disco), más la consabida influencia de los filmes de la Hammer a la que son afectas este tipo de bandas. Los riffs clásicos, anticuados ya desde el sonido y las estructuras, pero sonando frescos por la naturalidad con son ejecutados. Los ritmos lentos que tienden a irse hacia el medio-tempo, fluidos y con mucho groove. Las entonaciones de Zagarus jugando siempre con la locura, emitiendo gritos que hacen pensar en alguien al borde de la demencia, pero luego volver a cantar con firmeza y dureza, y sin perder de vista la melodía de la canción. El bajo sosteniendo el pulso rítmico de la banda con simpleza y melodía a la vez, tal como las primeras bandas de Heavy Metal. Todo aquí suena muy familiar, pero, a la vez, suena auténtico. Mientras muchas bandas se hunden en su obsesión por sonar retro, perdiendo de vista lo más importante de todo (las canciones), a Bretus les sale con mucha facilidad eso de sonar añejos, como si realmente fueran una banda de los 70's.
"...from the..." no es un disco de grandes canciones, pero sí es un disco que entretiene en todo momento, apoyándose en la homogeneidad y la magia para mantener atento al oyente. Así y todo, no dudo en elegir a "The Lizard" como lo mejor de la placa, pues Ghenes exhibe en dicha pieza lo mejor de su repertorio, que no es poco. Es que éste guitarrista, lejos del virtuosismo estéril, entiende a la perfección que lo simple puede ser bello y oscuro a la vez, y que no hace falta caer en lo rebuscado para sonar atractivo al oído.
Ahora sí, puedo confirmar que "The Shadow..." fue un disco de transición. Hoy puedo decir que Bretus sigue siendo una de las tantas buenas bandas italianas de Doom Metal, una de las que se pueden tildar como Emblemáticas dentro de dicha escena. En otras palabras, puedo decir, sin temor a equivocarme, que el tercer larga duración de Bretus es un buen disco.


INDY METAL VAULT (INDIANA) : http://www.indymetalvault.com/2017/06/19/album-review-bretus-from-the-twilight-zone/

Bretus’s third full-length album sees the Italian group adhering to their established meat and potatoes approach to traditional doom metal. The guitar takes center stage with a riff style and tone reminiscent of The Gates of Slumber and Place of Skulls while the rhythm section provides a basic but sturdy foundation. In addition, the pulp horror theatrics are aided by a flamboyant vocal performance that is a dead ringer for Reverend Bizarre. These elements were in full force on Bretus albums past but …From the Twilight Zone may be their strongest usage of them thus far.

This album’s biggest source of strength in comparison to previous efforts is its polished production job. While Bretus has always been a melodic doom band making its best assets known, there’s a lot more clarity on here that makes the riffs even punchier and gives the bass a more melodic backbone. The vocals also sound a lot more confident than before, reinforcing the idea that the improvements are based on more than a mere superficial makeover.
It also helps that the songwriting has a lot of variety to it. The riffs and vocal lines aren’t always the most attention grabbing but each song finds a way to stand out. “Terror Behind the Mirror” is the strongest track thanks to its acoustic opening transitioning to its bombastic riff set in an appropriately sinister fashion though the borderline balladry on “Danza Macabra” makes it another highlight. Also, a Tony Danza-themed doom band called Danza Macabra seriously needs to be a thing…

Bretus may not be at the heights of the doom metal pantheon just yet but the improvements on …From the Twilight Zone suggest that they may well be on their way there. Fans of the genre are sure to find this to be a pleasant listen that highlights everything there is to love about old school doom. And in a scene that is stereotyped for its emulation of Black Sabbath and Electric Wizard, I’ll be more than happy to try out a Pentagram rip-off any day!

mercoledì 3 maggio 2017

"...from the Twilight Zone" out for Endless Winter

ENG:
A record deal for publishing the new album has been signed,
"...from the Twilight Zone" out in June via Endless Winter (Russia)
Seven legendary terror tales were chosen for this concept album.
"...from the Twilight Zone" , a darker trip of Horror Doom music, Heavy riffs, old-school groove with a disturbing horror element.
ITA:
L'accordo discografico per la pubblicazione del nuovo album è stato firmato,
"...from the Twilight Zone" disponibile da Giugno via Endless Winter (Russia)
Sette leggendari racconti del terrore sono stati scelti per dar vita a questo concept album.
Un oscuro viaggio pregno di Horror Doom che affonda le radici nella tradizione old school,
un concentrato di riff Heavy Metal ed un inquietante elemento Horror che caratterizza l'intero disco.

Pre-order: http://endless-winter.org/cgi-bin/calc-eng


giovedì 15 dicembre 2016

"TRIBUTE TO MASTERS OF DOOM!!!" compilation out now

We are in Tribute to Masters of DOOM compilation  (Free download)!

Link: https://www.facebook.com/notes/doom-over-cthulhu/tribute-to-masters-of-doom-compilation/932213573579109

Youtube :





martedì 29 novembre 2016

ITALY STRIKES BACK! Compilation out now

We are on ITALY STRIKES BACK!
Doomed & Stoned Compilation Series

Link: doomedandstoned.bandcamp.com/album/italy-strikes-back